MICHELANGELO NACCHERINO

Fu uno scultore particolarmente attivo nel Regno di Napoli dove si trasferì proveniente da Firenze nel 1573 ( nacque a Firenze nel 1550 ).

Nella sua città natia fu allievo del Giambologna che successivamente accusò di un comportamento immorale verso la religione cattolica ( empietà ) e dopo una piccola esperienza a Palermo incominciò la usa  attività lavorando nelle più importanti chiese della città, realizzando dei veri capolavori scultorei.

Le sue opere in città sono il sepolcro di Alfonso Sanchez  nella Basilica della Santissima Annunziata Maggiore , il crocifisso scolpito nella chiesa di San Carlo all’Arena, la Madonna della Sanità nella chiesa di Santa Maria della Sanità, la Pietà nella cappella del Monte della Pietà, la Madonna del Carmine nella chiesa di San Giovanni a Carbonara, il Cristo risorto nella Certosa di San Martino , il busto di Fabrizio Pignatelli nella chiesa di Santa Maria Materdomini  ed il sepolcro di Ferdinando Maiorca nella chiesa di San Giacomo degli Spagnoli .

Passeggiando per la città non mancherete di ammirare alcune fontane da lui realizzate come quella di Santa Lucia nella Villa Comunale ma sopratutto la fontana del Gigante in via Partenope ( a poca distanza dal castel dell’Ovo) e la fontana del Nettuno in Piazza Municipio.

 

Sue magnifiche opere le troviamo anche a Capri nella chiesa di Santo Stefano , ad Amalfi nella colossale statua di Sant’Andrea e nella chiesa di Sant’Agata di Castroreale ( Madonna con bambino ).

 

Morì a Napoli nel 1622

Commenti via Facebook

(402 Posts)