‘O miercurì d’a Madonna ‘o Carmene , un’opera meravigliosa dedicata alla Madonna del Carmine da  Ernesto Murolo.

Una poesia commovente come poche , capace di toccarti e scuoterti  nell’intimo.

Spero riusciate a leggerla tutta senza prima cominciare a commuovermi a tal punto da bagnarvi il viso con una lacrima .

Una poesia bellissima ….. capace come poche di toccare l’anima .

Chiove . Cupa è a campana a chiesa ‘o Carmene ‘stuMiercurì d”e muorte.

Fanghiglia e ssecatura tutt’a Chiesia;
gente nzeppata fino a ssott”e pporte.

E so’ zantraglie ‘e dint”o Lavenare;
neguziante ‘e vascio ‘a Cunciaria;
so’ pezziente, pezzente;
ferrar”e Sant’Eligio, marenare,
femmene malamente
d”o Llario d”e Bbarracche e ‘a Ferrovia…

E pe’ mmiez’a ’sta folla ‘e facce gialle
– scemunute pe’ guaie, miserie e schiante –
‘na tanfa ‘e pezzecaglie e de sudore.

Guardano tuttuquante,
cu”e ccape dint”e spalle,
‘ncopp”Aldare Maggiore
addò, una mass”argiento,
mentre s’aspetta ‘a benediziona,
cu ll’organo ca sona,
luce, fra cere e ncienzo, ‘o Sacramento.

Ma ’sta folla nun è – cumme penz’io –
chella d”e … primm”e ll’Està:
nfanatecuta, strellazzera, ardente,
chien”e fede, speranza e
Mo – par’a mme – ca prega pe’ prià,
ma scuraggiatamente.

E trase e gghiesce ‘a dint”a Sacrestia,
– cumm’a ffile ‘e furmicule – ata gente.
… E chi se ferma nnanz”a screvania
pe’ ffà dì quacche messa a nu parente
… chi è pronto c”o di sorde e c”o libretto
p”a firma d’….

Veco nu richiamato d”o Distretto,
cu”a lente a ll’uocchie, ‘e pile ianche ‘nfaccia,
cu”a mugliera vicino,
cu nu figlio p”a mano e n’ato ‘nbraccia.

Chi guarda, appesa ‘o muro, ‘na giacchetta,
– ‘na giacchetta ‘e surdato –
c”o pietto spertusato
‘a ‘na palla ‘e scuppetta.

E appiso ce stà scritto:
Chi tocca e vasa ‘na medaglia ‘attone
d”a’ammaccata
e cusuta vicino a ‘na cammisa.

E ‘a palla, sturzellata, scamazzata,
dint’a ‘na buttigliella, ll’hanno misa
pur’essa esposta pe’ divuzione…

Quacche femmena chiagne… ‘N’ata… E n’ata:
Se stà furmanno ‘na prucessiona
nnanz”a Cappella addò stà cunzacrata
‘a Maronna ‘nperzona.

Arde ‘a Cappella p”o calore e ‘e ccere.
Veco, attuorno, ’sti mmure cummigliate
‘e ritratte ‘e surdate:
guardie ‘e finanza, muzze, berzagliere
E ognuno ‘e lloro tene ‘a sora o ‘a mamma,
ch”a vascio ‘o guarda fisso…

E chiagne… E ‘o chiamma…
E dà n’uocchio ‘a Maronna e n’ato a isso…
Quanta prighiere! Che scungiure! E quanta
vute, prumesse, lagreme!…
(stà dicenno ‘na femmena gravanta
‘nfacci”a Maronna) …
dice ‘na vecchia.

E chell’ata, cchiù forte:
(Chiagneno tuttuquante. ‘A puverella,
c”a voce cchiù abbrucata,
scaveza, arrampecata
p”e ggrare addò stà ‘o quatro, arditamente,
mo’ amminaccia ‘a Maronna)

(E spalle d”a Cappella,
‘a folla ‘e dint”a Chiesia ha visto, sente,
se move, sta spianno…)

(E cu”e capille
sciuovete, cumme a ppazza, ha stesa ‘a mana,
e ha tuzzuliato ‘nfaccia a lastra santa…
Ma tutto nzieme ha date tali strille
ch’ha revutata ‘a Chiesia tuttaquanta…)

Ll’uocchie nfuse…
… A lastra nfosa…
(Doi, tre voce cunfuse,
nnanz”a ’sta mana stesa, cunzacrata,
ca nisciuno ha tuccata…
e po’ ciento… E po’ tutte)

 

Avete provato anche voi nel leggere questa poesia, la sensazione di avvertire il sentore di vestiti bagnati…. misto al sudore corporeo di chi li indossa ….?

Avete avvertito  la puzza…. della folla accalcata e tutti quegli  odori che in genere si avvertono misti all’odore delle candele che bruciano…. cera e stoppini che fanno fumo in una chiesa stracolma – zeppa ……?

Che capolavoro !

In ogni parola, in ogni concetto,  il grande ERNESTO MUROLO in questa poesia dipinge l’ambiente  con dovizia di particolari, fino a farci vedere l’ambiente circostante.
Con la sua penna riesce addirittura  a rappresentarci  in versi l’ambiente – l’aria che si respira – l’atmosfera che si è creata in quel MERCOLEDI’ da MARONN’ O’ CARMINE….. un’atmosfera intrisa di fede , di speranze, di aspettative che almeno un intervento MATERNO e DIVINO possa fare giustizia delle miserie umane ….. e quasi … tra la folla …. il pensiero di una donna … di una popolana sembra squarciare il silenzio mistico della cattedrale come un grido urlato a voce alta per inveire contro una madonna distratta e NON CURANTE … che dovrebbe invece sentire il DOVERE di intervenire ….. facendo giustizia….. e questo colloquio a voce alta tra la popolana e la MADONNA squarcia il silenzio della chiesa ed attira l’attenzione della MADONNA che finalmente dall’ ALTARE ascolta questa preghiera che è quasi una pretesa …. la MADONNA SENTE …. ASCOLTA…. e finalmente …… FINALMENTE …… capisce il linguaggio schietto – franco – irrispettoso… ma al tempo stesso vero ed accorato della popolana che non ha altri mezzi per comunicare con chi rappresenta per lei l’unica ancora di salvezza …..
Ecco, finalmente la MADONNA condivide la richiesta disperata di quella mamma, ne comprende il dramma e piange …..
La madonna piange ….. ma il fatto che la Madonna pianga, nonostante abbia compreso, non vi è prova che poi sia intervenuta nè in che modo!!!!
L’autore …. lascia al lettore un finale misterioso, aperto allo scetticismo (per chi non crede ) e/o ad un finale di mistica creduloneria per chi ha fede ….
La madonna piange … ora che sa, che ha compreso, non può non intervenire …. la Madonna dà un segnale tangibile di aver capito e condivide il dolore della popolana .. e piange con lei.

  • 437
  • 0