Vi abbiamo già raccontato in altri articoli del nostro sito del genio artistico del grande  Raffaele Viviani (Viviano all’anagrafe), che con la musicalità dei suoi scritti e la teatralità della sua poesia, nella sua instancabile attività di autore e commediografo, ha consegnato alla storia della nostra città,  alcuni personaggi immortali.

 Uno degli esempi più alti della sua maestria è la straordinaria composizione “Bammenella“, una canzone scritta per la  sua commedia “Toledo di Notte”, messa in scena per la prima volta nel 1918 che rappresenta un concentrato di emozioni e di compassione.

Questa commedia capolavoro di Raffaele Viviani ha come ambientazione i famosi e popolari quartieri Spagnoli, dove prendono vita buona parte delle sue storie che diventano il palcoscenico di personaggi veri e dalla personalità unica, condizionati dal loro microcosmo di gente di strada.

So’ “Bammenella” ‘e copp’ ‘e Quartiere,
pe’ tutta Napule faccio parlá,
quanno, annascuso, p’ ‘e vicule, ‘a sera,
‘ncopp’ ‘o pianino mme metto a ballá.

Vene ‘ambulanza?
‘Int’a niente mm’ ‘a squaglio.
E, si mm’afferra, mme torna a lassá.
‘Ncopp’ ‘a quistura, si ê vvote ce saglio,
è pe’ furmalitá.

Cu ‘a bona maniera,
faccio cadé ‘o brigatiere,
piglio e lle véngo ‘o mestiere,
dico ca ‘o tengo ccá.

‘O zallo s’ ‘o ‘mmocca,
ll’avota ‘a capa e s’abbocca,
ma, nun appena mme tocca,
mme n’ha da manná.

Mme fanno ridere cierti pperzone
quanno mme diceno: “Penza pe’ te”.
Io faccio ‘ammore cu ‘o capo guaglione
e spènno ‘e llire p’ ‘o fá cumparé.

Stó’ sotto ‘o dèbbeto, chisto è ‘o destino,
ma c’è chi pava pirciò lassa fá.
Tengo nu bellu guaglione vicino
ca mme fa rispettà.

Chi sta ‘int’ ‘o peccato,
ha da tené’ ‘o ‘nnammurato,
ch’appena doppo assucciato,
s’ha da sapé appiccecá.

E tutt’ ‘e sserate,
chillo mm’accide ‘e mazzate.
Mme vò’ nu bene sfrenato,
ma nun ‘o ddá a paré’.

Mo só’ tre mise ca ‘o tengo malato.
Sacc’io che spènno pe’ farlo saná.
Però, ‘o duttore, cu me s’è allummato,
pe’ senza niente mm’ ‘o faccio curá.

E tene pure ‘o mandato ‘e cattura;
priesto, ‘ambulanza s’ ‘o vène a pigliá.
Io ll’aggio ditto: “Sta’ senza paura,
pe’ te, ce stóngo io ccá”.

Cu ‘a bona maniera,
faccio cadé ‘o brigatiere,
mentre io lle vengo ‘o mestiere,
isso have ‘o canzo ‘e scappá.

Pe’ me, ‘o ‘ssenziale,
è quanno mme vasa carnale.
Mme fa scurdá tutt’ ‘o mmale
ca mme facette fá.

 

Con questo brano, così come con tanti altri della sua collezione, il nostro Raffaele Viviani descrive uno spaccato della vita difficile dei quartieri più popolari, questa volta raccontato attraverso le vicissitudini di“Bammenella”, una prostituta che lui descrive come una donna sottoposta a continue violenze da parte di un uomo che dovrebbe amarla e che lei crede di amare..

Una figura che  a prima impressione appare controversa, ma che Viviani riesce a rivalutare mettendone in evidenza la forza che solo certe donne hanno, il suo esser popolana, la sua umiltà, il suo modo di imporsi sul quel mondo e quel difficile contesto che l’ha obbligata a quella condizione.

Bammenella non è altro che Ines,  una prostituta che apparentemente si presenta forte e spavalda, una donna che non teme di affrontare la legge pur di salvare il suo uomo, ma che infine nasconde una grande fragilità. Lei vive la sua vita in funzione di quest’uomo: per lui, seduce il brigadiere che lo ha arrestato.

Il compagno, invece vive di malaffare ed è di fatto il suo protettore, ma Ines ne è innamorata e nei suoi confronti  ha un atteggiamento remissivo e osservante. Gli compra regali, addirittura accetta in silenzio di essere picchiata. Lei crede che lui la ami per  davvero, anche se nun ‘o ddà a paré e per quest’uomo continua a rovinarsi la vita.

Questo succede perchè seppur in apparenza forte e sfrontata, nella pratica la donna è tutt’altro che spavalda…

 

Bammenella viene posta in scena con tutta la sua freschezza giovanile, con la passione per il suo amato verso il quale nutre un amore puro, che rappresenta per lei quanto di più caro ha in quel mondo spietato. Essa viene offerta allo spettatore in tutta la sua genuinità, con i suoi errori di vita, di una vita sempre pero’ vissuta con passione, sincerità ed astuzia.

Dal brano e dai versi  traspare infatti tutto l’amore che il poeta Viviani nutre per lei perché ne comprende le cause della sua condizione, un amore ed un rispetto che rappresentano i sentimenti piu’ diffusi nell’ animo di coloro che ascoltano o semplicemente leggono i versi di questo meraviglioso e toccante brano.

Viviani, nella sua instancabile attività di autore e commediografo, ha consegnato alla nostra città  , alcuni personaggi immortali e tra i tanti  rientra certamente a pieno titolo la sua Bammenella, un personaggio  forgiato dalla cruda realtà, ma raccontato nella canzone , con sottile ironia popolare, quella che era la realtà dell’autore,capace di  trasmettere a noi tutti un’infinita umanità.Egli con i versi di questo brano renderà la sua ” Bammenella,  un personaggio iconico, destinato a rimanere  per sempre nella storia della canzone d’autore napoletana.

 

So’ “Bammenella” ‘e copp’ ‘e Quartiere,
pe’ tutta Napule faccio parlá,
quanno, annascuso, p’ ‘e vicule, ‘a sera,
‘ncopp’ ‘o pianino mme metto a ballá.
Sono “Bambinella” dei Quartieri Spagnoli,
per tutta Napoli faccio parlare,
quando, di nascosto, per i vicoli, di sera,
sulla musica di un pianino mi metto a ballare.
Vene ‘ambulanza?
‘Int’a niente mm’ ‘a squaglio.
E, si mm’afferra, mme torna a lassá.
‘Ncopp’ ‘a quistura, si ê vvote ce saglio,
è pe’ furmalitá.
Arriva la polizia?
In poco tempo me la squaglio.
E se mi acchiappa, mi rilascia.
In questura, se a volte ci vado,
è per formalità.
Cu ‘a bona maniera,
faccio cadé ‘o brigatiere,
piglio e lle véngo ‘o mestiere,
dico ca ‘o tengo cca.
Con le buone maniere,
faccio cadere il brigadiere,
prendo e gli vendo il mestiere,
dico che ce l’ho qua.
‘O zallo s’ ‘o ‘mmocca,
ll’avota ‘a capa e s’abbocca,
ma, nun appena mme tocca,
mme n’ha dda manná.
L’allocco ci abbocca,
gli gira la testa e cade,
ma, non appena mi tocca,
mi deve mandar via.
Mme fanno ridere cierti pperzone
quanno mme diceno: “Penza pe’ te”.
Io faccio ‘ammore cu ‘o capo guaglione
e spènno ‘e llire p’ ‘o fá cumparé.
Mi fanno ridere certe persone
quando mi dicono: “Pensa per te”.
Io faccio l’amore con il capo
e spendo i soldi per farlo ben figurare.
Sto’ sotto ô dèbbeto, chisto è ‘o destino,
ma c’è chi pava pirciò lassa fá.
Tengo ‘nu bellu guaglione vicino
ca mme fa rispettà.
Sono in debito, questo è il destino,
ma c’è chi paga e perciò lascia fare.
Ho un bel ragazzo vicino
che mi fa rispettare.
Chi sta ‘int’ ‘o peccato,
ha dda tené ‘o ‘nnammurato,
ch’appena doppo assucciato,
s’ha dda sapé appiccecá.
Chi è nel peccato,
deve avere un fidanzato
che appena dopo aver fatto l’amore,
deve saper litigare.
E tutt’ ‘e sserate,
chillo mm’accide ‘e mazzate.
Mme vo’ ‘nu bene sfrenato,
ma nun ‘o ddá a paré.
E tutte le sere,
quello mi picchia.
Mi vuole un bene sfrenato,
ma non lo dà a vedere.
Mo so’ tre mise ca ‘o tengo malato.
Sacc’io che spènno pe’ farlo saná.
Però, ‘o duttore, cu me s’è allummato,
pe’ senza niente mm’ ‘o faccio curá.
Ora sono tre mesi che è malato.
So io quanto spendo per farlo curare.
Però, il dottore, di me si è innamorato,
in cambio di niente me lo faccio curare.
E tene pure ‘o mandato ‘e cattura;
priesto, ‘ambulanza s’ ‘o vène a pigliá.
Io ll’aggio ditto: “Sta’ senza paura,
pe’ te, ce stóngo io cca”.
E ha pure il mandato di cattura;
presto, la polizia se lo viene a prendere.
Io gli ho detto: “Non aver paura,
per te, ci sono io qua”.
Cu ‘a bona maniera,
faccio cadé ‘o brigatiere,
mentre io lle vengo ‘o mestiere,
isso have ‘o canzo ‘e scappá.
Con le buone maniere,
faccio cadere il brigadiere,
mentre gli vendo il mestiere,
lui ha il tempo di scappare.
Pe’ me, ‘o ‘ssenziale,
è quanno mme vasa carnale.
Mme fa scurdá tutt’ ‘o mmale
ca mme facette fá.
Per me, l’essenziale
è quando mi dà un bacio carnale.
Mi fa dimenticare tutto il male
che mi ha fatto fare.

 

La canzone Bammenella raggiunse in poco tempo una certa popolarità, già nella sua prima versione Per la creazione della musica, l’autore prese sunto dalla canzone “La Valse Brune”, brano popolare francese già rielaborato da George Krier nel 1909.

Successivamente  Viviani gli adattò un arrangiamento originale, molto più articolato e con questa nuova veste, nel 1918, il brano Bammenella fu inserita come canto di scena nella commedia Toledo di notte, portata in scena per la prima volta nel 1918.

Luisella Viviani, sorella del celebre autore e apprezzatissima cantante, fu la prima interprete di Bammenella, al Teatro Umberto di Napoli. Successivamente altri artisti si sono cimentati in questo capolavoro, tra cui Angela Luce, Marina Pagano, Lina Sastri, Ornella Vanoni, Peppe Barra e Massimo Ranieri.


  • 110
  • 0