L’ANTICA VILLA CARAFA DI BELVEDERE AL VOMERO

 

Guardando la famosa mappa del duca di Noja del 1775 , è possibile individuare nella collina del vomero una villa  indicata come “Palazzo e villa de’ Carafa detti Belvedere intorno alla quale  venne sviluppandosi l’antico “Villaggio del Vomero”.

Villa Belvedere rappresenta dunque, la storia più antica del  quartiere Vomero ed  il simbolo dell’intera  collina del Vomero .Essa era talmente famosa che finì per affascinare numerosi viaggiatori del gran tour e famosi  pittori che  la immortalarono in numerosi  disegni e bozzetti.

L’antica Villa Carafa di Belvedere, nota anche semplicemente come villa Belvedere, era una bellissima e  monumentale struttura costruita   alla fine del seicento sul versante occidentale della collina del Vomero , come  palazzo “fuori porta”  su commissione   del mercante e banchiere fiammingo Ferdinando Vandeneynden che dopo aver scelto Napoli come residenza per sé e per le sue clientele (come molti altri potenti commercianti nordeuropei), insignito del titolo di marchese di Castelnuovo e sposato con la nobile Olimpia Piccolomini, nipote del cardinale Celio , decise di dar luogo sui resti di un antico “casino di delizie” appartenuto agli Altomare una  sua nuova nobile dimora. Essa venne commissionata  a frà Bonaventura Presti un monaco certosino divenuto una specie di ingegnere di sua  “eminenza”, il cardinale Ascanio Filomarino .

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il palazzo . sviluppato su due piani ,  con affaccio ad ovest verso Posillipo e ad sud sul golfo di Napoli , venne realizzata  tra il 1671 ed il 1673   ed  era  posta nel fondo di un lungo viale alberato, con ingresso sulla “via del Vomero” (via Belvedere) . La  grandiosa residenza aperta da logge affacciate sul panorama del golfo , aveva disposte le stalle e le rimesse lungo il  suo bel viale alberato  e disponeva di  un elegante pozzo settecentesco in marmo (oggi spostato sul terrapieno della terrazza panoramica). Il tufo necessario a compiere le radicali trasformazioni dell’edificio fu prelevato dalla parte di collina sottostante la grande terrazza, in cui furono scavate grotte poi utilizzate come celle per la conservazione dei vini e della carne. Ad esse vi  si accedeva dall’alto tramite una scala a forma di pozzo (tuttora esistente).

CURIOSITA’ :  il monaco certosino converso di origini bolognesi fràBonaventura Presti , si occupò in città anche della ristrutturazione di altre numerose dimore patrizie fra cui il famoso Palazzo Zevallos  di Stigliano.

Alla morte del nobile marchese olandese avvenuta per tisi ( tubercolosi ) nel 1674   il  palazzo Vandeneynden,  ereditata dalla  figlia Elisabetta ,venne portatato da lei in dote al matrimonio contratto con Carlo Carafa quarto principe del Belvedere. Da quel momenro , il palazzo , grazie ad ampliamenti ed abbellimenti assunse in poco tempo ( 1730 ) , le caratteristiche di villa adeguate al rango dei principi di Belvedere e divenne così la  famosa  ‘villa Carafa di Belvedere”.  Sul finire del secolo la villa venne ancora ampliata e abbellita per ospitare la regina  Maria Carolina  moglie di Ferdinando IV di Borbone (incinta per la diciassettesima volta) . L’ingresso sulla via del vomero  fu risistemato e ampliato per rendere più agevole l’accesso alle carrozze e di fronte all’antico portale in piperno venne creata un’elegante esedra in tufo tuttora visibile .All’interno della villa erano custodite pregiate raccolte di pitture e sculture .Le volte  erano  tutte impreziosite da affreschi di autori come Luca Giordano .

 

La villa in quel periodo fu molto frequentata dai borbone e dall’alta società napoletana ; durante i soggiorni estivi della regina Maria Carolina , venivano organizzate magnificenti feste che richiamavano enormi folle. Nei mesi di maggio ed ottobre, infatti, la villa era aperta al pubblico  (  il giovedì e le domeniche era possibile assistere a concerti musicali, ed in seguito, anche a giostre e tornei estremamente popolari).

La popolarità della villa non diminuì nemmeno con la dominazione francese: fu infatti uno dei luoghi preferiti dal re francese Gioacchino Murat e la sua decadenza possiamo dire che cominciò solo dopo la morte  dell’ultimo principe di Carafa Marino, ( sindaco di Napoli nel 1813 sotto Murat )  .Essa si  manifestò inizialmente sopratutto  a carico del suo  immenso parco che subì un vero e proprio  smembramento e venne progressivamente lottizzato . La  Villa Belvedere invece , stretta tra il proliferare di tante nuove costruzioni , priva del suo meraviglioso parco , perse tutto il suo carattere di paradiso di delizie immerso nel verde e divenne per buona parte a tutti gli effetti divenne un insignificante  condominio .

Con  l’arrivare  del Novecento Villa Belvedere,  cominciò  a non essere più una delle poche costruzioni esistenti sulla collina . Il vomero infatti  con il passare degli anni, vide sorgere al posto dei tanti  alberi  edifici dalle dimensioni più svariate e dalle tipologie più diverse, e nuovi  accessi alla villa vennero  aperti lungo la via Aniello Falcone approfittando degli “interstizi” risparmiati dall’edificazione. Solo il primo piano , trasformato in un complesso per cerimonie e congressi ( Cenacolo Belvedere ) conserva  ancora oggi con la  scenografica veduta del golfo , l’aspetto dell’antica residenza dei Carafa .

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti via Facebook

(516 Posts)